Novità Greentube: Admiral Sport si trasforma in AdmiralBET

Ultimo Aggiornamento 20 Jul 2022
Novità Greentube: Admiral Sport si trasforma in AdmiralBET

È stato ultimato il processo di re-branding di Admiral Sport, noto marchio di casinò e scommesse sportive online e retail: ora è AdmiralBET.

L'annuncio è stato effettuato da Greentube, divisione del celebre gruppo austriaco Novomatic specializzata nell'intrattenimento digitale. Non si tratta di un semplice cambio di nominativo, ma di uno dei passaggi chiave nella strategia a lungo termine della società, come afferma il Managing Director di AdmiralBET Paolo Marchi, che auspica in un progressivo rafforzamento nel mercato italiano, in cui il cui gruppo già svetta, qualificandosi come punto di riferimento nel comparto del gioco d'azzardo.

Questa tappa è un punto cardine del piano aziendale: l'operazione ha infatti riunito sotto un'unica denominazione i due canali di vendita, quello del casinò online Admiral e quello dei punti retail, che sono oltre 100 nella nostra penisola.

"È con grande piacere che annunciamo il cambio di marchio da Admiral Sport a AdmiralBET" ha affermato il CCO di Greentube Ronald van den Brink, che prosegue dichiarando "Non abbiamo mai nascosto l'intenzione di consolidare la nostra posizione in Italia, dal nostro punto di vista uno dei mercati regolamentati più importanti in assoluto. Il rebranding contribuisce ad armonizzare la nostra offerta omni-channel e rafforza notevolmente la nostra presenza nella regione".

Novomatic e Greentube compiono grandi passi in Italia

Solo l'autunno scorso, Greentube aveva mosso un altro importante passo nel mercato italiano, acquisendo il software provider di Castel Bolognese Capecod Solutions, già parte di Novomatic Italia dal 2017.

Secondo il CFO/CGO di Greentube Michael Bauer, l'acquisizione aveva tutte le carte in regola per rafforzare la presenza dell'impresa in Italia sia nel settore online sia in quello terrestre: "Abbiamo visto negli ultimi anni quanto successo ha avuto Capecod nello sviluppo di giochi che riscuotono grande interesse tra i giocatori in Italia e, portando l'esperienza di una società così apprezzata sotto l'ombrello di Greentube, prevediamo che tutte le parti trarranno benefici nell'offrire prodotti ad un pubblico più ampio. Infatti il nostro obiettivo è quello di potenziare le performance di Capecod offrendo i loro titoli di punta anche in altri mercati".

Il CEO di Novomatic Thomas Graf aveva parlato delle due acquisizioni, affermando che Capecod Solutions avrebbe fornito un canale di distribuzione ideale, nonché la possibilità di fornire in modo più rapido i contenuti Greentube e Novomatic ai propri clienti, manifestando l'intenzione di far crescere ulteriormente l'attività di aggregazione non solo nel mercato italiano, ma anche in quello LatAm, affine per temi e gusti a quello italiano.

Graf si era espresso anche sull'acquisizione di Admiral Sport, oggi AdmiralBET, dichiarando che la popolarità dei casinò a marchio Admiral, in combinazione con Greentube - e dunque con l'altro famoso marchio di casinò a essa correlato, StarVegas, - avrebbe portato al raddoppio della quota di mercato coperta, con ulteriore consolidazione delle già solide basi per la futura crescita nel paese.

L'interesse dei colossi internazionali per il gioco d'azzardo italiano

Ma Novomatic non è l'unica ad aver rimescolato le carte in gioco nel mercato nostrano: già nel 2021 si erano verificate importanti transazioni commerciali fra colossi internazionali e i principali operatori di gioco nostrani.

Ricordiamo l'accordo stretto l'anno scorso da Apollo Global Management, società USA di investimento private equity che, tramite la controllata al 100% Gamenet Group, ha acquisito l'intera partecipazione di Lottomatica Scommesse e Lottomatica Videolot Rete, che era detenuta da International Game Technology. Al perfezionamento dell'operazione si è modificata anche la denominazione sociale, da Gamenet Group a Lottomatica.

Non meno importante l'acquisizione del 100% di Sisal da parte di Flutter Entertainment, gruppo operante nel settore del gaming internazionale: la transazione è valsa 1,913 miliardi di euro.

Anche in questo caso la finalità era quella di raggiungere mercati regolamentati a livello globale, fra i quali l'Italia riveste particolare fascino.

Il filo d'Arianna che congiunge tutte queste operazioni è l'obiettivo di un'offerta multicanale, che possa fondere e coordinare le due anime del gioco d'azzardo, strategia che secondo diversi stkeholders del settore sarà quella vincente, spesso adottata anche a causa dei divieti pubblicitari quale opportunità di contatto con i giocatori.

Lo stesso Graf afferma "Alla luce del divieto di pubblicità del gioco d'azzardo, perseguire opportunità di fusione e acquisizione come abbiamo fatto con Capecod e Admiral Sport ci ha permesso di stare vicino ai nostri clienti, fornendo intrattenimento avvincente, radicato nei loro interessi e cultura, e continuare a dialogare, con i punti vendita che agiscono come utile canale di acquisizione. Riteniamo che la combinazione di contenuti globali e localizzati sia vincente e questa è una strategia che continueremo a seguire in futuro".

Lamberto Rinaldi

Ruolo: Content Writer
Esperienza: 10+ Anni
Specializzazione: Articoli Blog/Analisi
Giornalista pubblicista. Di giorno prof di lettere, di notte freelance. Scrivo di calcio e Roma su "Il Catenaccio", di cultura, ambiente e sport per "Il Nuovo Magazine" e "Stampa Critica", ho condotto "Super Santos" sulle frequenze di Active Web Radio.